mercoledì 28 ottobre 2020

...lezioni per stare meglio no. 6

(immagine dal web)

 

"Tre cose soprattutto l’uomo moderno deve apprendere per divenire sano e completo: l’arte del riposo, l’arte della contemplazione, l’arte del riso e del sorriso."
(Roberto Assagioli)
 

6. La produttività non determina il tuo valore

Nonostante ciò che la nostra cultura può indurci a credere, siamo molto più di una lista di cose da fare. Hai mai notato che nei tuoi giorni veramente produttivi ti senti particolarmente orgoglioso e soddisfatto? O che quando non  hai portato a termine compiti o raggiunto obiettivi personali o professionali, ti senti come deluso o abbattuto? Questa è un'esperienza comune a tutti coloro che associano ciò che sono a ciò che fanno.

Viviamo in una cultura che sembra valorizzare i risultati sopra ogni altra cosa. In risposta, siamo diventati così esperti nei modelli di creazione, produzione e "fare" che abbiamo imparato ad associare la nostra produttività a ciò che siamo.

Ma non siamo destinati a lavorare e produrre sempre.

Vivere una vita multiforme significa che parte del tempo è da trascorrere riposando, immaginando, riflettendo, ascoltando, ridendo e connettendosi con noi stessi e gli altri.

Noi con neuropatie croniche dobbiamo quindi imparare a uscire dalla modalità produttività perché gestiamo emozioni impegnative, bassa energia, dolore, malattia e altre parti non pianificate della vita. E fare di tutto per entrare nell’altra modalità multiforme, ed imparare a tollerare,  e persino a divertirsi nei tempi di inattività. E’ questa la chiave per il nostro benessere mentale, fisico ed emotivo. 

 

domenica 11 ottobre 2020

...notizie incoraggianti dai ricercatori

(immagine dal web)

Un nuovo approccio al trattamento del dolore cronico potrebbe portare sollievo

Recensito da Emily Henderson, B.Sc. 19 agosto 2020

Qualcosa come un quarto della popolazione mondiale soffre di dolore cronico a un certo punto della loro vita. Al contrario del dolore acuto - ad esempio, la sensazione dopo aver colpito il dito con un martello - il dolore cronico potrebbe non avere nemmeno una causa chiara e può persistere per anni o per tutta la vita. Il peso del dolore cronico include danni alla salute mentale e fisica, minore produttività e tossicodipendenza.

Un nuovo studio condotto da scienziati del Weizmann Institute of Science suggerisce un approccio originale al trattamento di questa afflizione, prendendo di mira un gateway chiave che porta all'attivazione di geni nelle cellule nervose periferiche che svolgono un ruolo in molte forme di dolore cronico. I risultati di questo studio sono stati pubblicati oggi su Science.

Il dolore inizia nei neuroni sensoriali, quelli che trasmettono informazioni dalla pelle al sistema nervoso centrale. Danni a questi neuroni, lesioni croniche o malattie possono causare il "cortocircuito" dei neuroni, inviando messaggi di dolore continui. Il Prof. Mike Fainzilber del Dipartimento di Scienze Biomolecolari dell'Istituto studia le molecole che regolano le attività di messaggistica biomolecolare che si svolgono all'interno di queste cellule nervose.

Queste molecole - importine - si trovano in ogni cellula, agendo come condotti tra il nucleo della cellula e il suo citoplasma, trasportando le molecole dentro e fuori dal nucleo e controllando così l'accesso ai geni. Questo ruolo assume un significato speciale nelle cellule nervose periferiche, con i loro corpi lunghi e sottili in cui i messaggi molecolari possono impiegare ore per passare dalle terminazioni nervose ai nuclei cellulari. Alcune delle importine che Fainzilber e il suo team hanno identificato, ad esempio, trasmettono messaggi circa lesioni al corpo della cellula nervosa, avviando meccanismi di riparazione.

Per chiedere se le importine siano coinvolte nel dolore neuropatico cronico, i ricercatori, guidati dalla dott.ssa Letizia Marvaldi nel gruppo di Fainzilber, si sono inizialmente proposti di esaminare una serie di linee di topi importina-mutanti generate dal laboratorio del Prof.Dr.Michael Bader presso il Max-Delbruck Center di Berlino, che ha collaborato a questa ricerca. La ricerca è stata sostenuta dal Consiglio europeo della ricerca.

Gli esami comportamentali su queste diverse linee hanno rivelato una particolare importina - importina alfa-3 - come l'unica importina implicata nel controllo delle vie del dolore. Il team ha quindi cercato di identificare il modello di espressione genica associato al dolore di lunga durata nelle cellule nervose periferiche e vedere come si legava all'attività dell'importina alfa-3. L'analisi delle differenze nei pattern di espressione tra neuroni normali e neuroni privi di importina alfa-3 ha indirizzato l'attenzione del Dr. Marvaldi su c-Fos, una proteina che l'importina alfa-3 porta nel nucleo. c-Fos è un fattore di trascrizione, una molecola che aumenta o riduce l'espressione di numerosi geni. Ulteriori esperimenti sui topi hanno dimostrato che il c-Fos si accumula nel nucleo delle cellule nervose periferiche di topi che soffrono di dolore cronico.

Hanno quindi utilizzato virus specializzati come strumenti per ridurre o disabilitare l'importina alfa-3 o c-Fos nelle cellule nervose periferiche dei topi. Questi topi avevano risposte molto ridotte a situazioni di dolore cronico rispetto a quelle dei topi normali. Ulteriori ricerche hanno dimostrato che l'importina alfa-3 è fondamentale nel dolore tardivo e cronico. c-Fos è anche coinvolto nelle prime risposte al dolore, ma sembra entrare nel nucleo con altri mezzi in quelle fasi iniziali. Ciò suggerisce che il blocco dell'attività dell'importina alfa-3 potrebbe essere particolarmente adatto per prevenire il dolore cronico e duraturo.

Il team di ricerca ha quindi portato i risultati a un livello superiore, chiedendo quanto facilmente possano essere tradotti in applicazioni cliniche. Hanno approfittato di un database specializzato, la Connectivity Map (CMap) del Broad Institute in Massachusetts, che rivela le connessioni tra farmaci e modelli di espressione genica. Questo database ha consentito loro di identificare circa 30 farmaci esistenti che potrebbero colpire la via dell'importazione alfa-3-c-Fos.

Quasi due terzi dei composti che hanno identificato non erano precedentemente noti per essere associati al sollievo dal dolore. Il team ne ha scelti due - uno un farmaco cardiotonico e l'altro un antibiotico - e li ha testati di nuovo sui topi. In effetti, l'iniezione di questi composti fornisce sollievo dai sintomi del dolore neuropatico nei topi.

I composti che abbiamo identificato in questa ricerca nel database sono una sorta di corsia preferenziale: la prova che i farmaci già approvati per altri usi nei pazienti possono probabilmente essere riutilizzati per trattare il dolore cronico. Gli studi clinici potrebbero essere condotti nel prossimo futuro, poiché questi composti hanno già dimostrato di essere sicuri per gli esseri umani ".

Dott.ssa Letizia Marvaldi, Ricercatrice

"Siamo ora in grado di condurre degli screening per molecole di farmaci nuove e migliori che possono mirare precisamente a questa catena di eventi nei neuroni sensoriali", afferma Fainzilber. "Tali molecole mirate potrebbero avere meno effetti collaterali e creare meno dipendenza rispetto ai trattamenti attuali, e potrebbero fornire nuove opzioni per ridurre il peso del dolore cronico".

 

Traduzione di Filo di Speranza.

Leggi articolo originale: clicca qui

mercoledì 7 ottobre 2020

...il dolore è nel corpo o nella mente?

(immagine dal web)

 

"Quando si tratta di dolore, è davvero la mente sulla materia?

È una domanda che ha sconcertato gli studiosi per secoli: il dolore è un'esperienza corporea o mentale? Rich Harrison spiega perché questo è un problema così complesso da risolvere

Lunedì 24 febbraio 2020 19:14

Le persone spesso usano la frase "mente sulla materia" per descrivere situazioni in cui i mali e i dolori del corpo vengono ignorati usando la mente. Un giardiniere arriva dal giardinaggio ed è sorpreso di scoprire un brutto taglio sulla sua mano, qualcosa di cui non era a conoscenza mentre era concentrata sulle sue piante. Oppure un soldato in Afghanistan viene ferito da un proiettile ma sente poco dolore finché non è al sicuro in infermeria. Se il dolore fosse direttamente e interamente collegato a lesioni fisiche, questi esempi sarebbero impossibili. Un taglio provocherebbe sempre un lieve dolore, mentre una ferita da arma da fuoco causerebbe immediatamente un forte dolore. Ma non è sempre così.

Gli scienziati del dolore sono attenti a distinguere tra uno stimolo dannoso (nocivo) e il dolore. Nel caso del soldato, il suo stimolo (una ferita da proiettile) è nocivo ma non doloroso. La ricerca ha dimostrato che il cervello ha la capacità di attenuare l'intensità con cui viene sperimentato uno stimolo dannoso. Questo processo è noto come "modulazione del dolore" ed è il modo in cui il nostro corpo ci permette di far prevalere la mente sulla materia in alcune situazioni.

Per comprendere la modulazione del dolore, dobbiamo capire come i pensieri e le sensazioni influenzano il dolore. Negli ultimi due anni, un progetto che ha coinvolto psicologi e filosofi dell'Università di Reading e medici e pazienti dell'NHS Royal Berkshire Hospital ha esplorato questa questione. La nostra idea è che le persone abbiano opinioni sul dolore - alcune delle quali non sono nemmeno consapevoli di avere - che influenzano il modo in cui provano il dolore e, forse ancora più importante, come traggono beneficio da certi tipi di trattamento del dolore.

Dove lo senti?

Stiamo indagando se le persone considerano intuitivamente il dolore come qualcosa nella mente o nel corpo. Le persone parlano del dolore in entrambi i modi, sottolineando l'aspetto corporeo quando dicono cose come: "Il dolore è nel mio dito". E sottolineando l'aspetto mentale dicendo: "Il dolore sembra una tortura". Ma le persone hanno una posizione predefinita? Una persona tende a pensare al dolore come a un'esperienza corporea, mentre un'altra la pensa come a uno stato mentale? Per scoprirlo, abbiamo progettato una serie di brevi scenari ipotetici che hanno sondato la visione del dolore delle persone. Abbiamo scoperto che le persone possono adottare una visione del dolore più corporea o più mentale e che le loro opinioni possono cambiare, a seconda del contesto.

La domanda successiva e forse la più importante è se queste opinioni influenzano l'assistenza sanitaria che le persone ricevono per il dolore. Il dolore cronico è una condizione debilitante, che porta con sé enormi costi personali, sociali ed economici. È anche una condizione molto difficile da trattare, con approcci chirurgici e farmacologici che spesso hanno scarsi risultati.

Abbiamo scoperto che le persone possono adottare una visione più fisica o più mentale del dolore e che le loro opinioni possono cambiare, a seconda del contesto

Gli interventi psicologici, come la terapia cognitivo comportamentale (CBT), d'altra parte, sono spesso efficaci e hanno pochi effetti collaterali. Fondamentalmente, tuttavia, questi trattamenti non funzionano per tutti. Alcune persone con dolore cronico non trovano alcun aiuto in questi programmi o abbandonano il trattamento senza nemmeno dargli una possibilità. Quindi la domanda è: perché questi trattamenti funzionano per alcune persone e non per altri?

La nostra ricerca si concentra sul fatto che le ipotesi di fondo sul dolore che qualcuno porta con sé in una clinica, possano determinare se un trattamento come la CBT funzionerà per loro. Dopotutto, se tu fossi un paziente che vede la lombalgia come una caratteristica della colonna vertebrale, piuttosto che come una combinazione della colonna vertebrale e della mente, non saresti confuso o infastidito se ti mandassero in terapia per alterare la tua mentalità?

Vivere con il dolore può essere un peso costante. Se ritieni di aver ricevuto il tipo sbagliato di trattamento, abbandonare o non partecipare completamente è una risposta logica. Se riusciamo a dimostrare che le convinzioni esistenti di qualcuno sul dolore influenzano il modo in cui accede e beneficia di trattamenti psicologici, possiamo lavorare per modificare queste convinzioni per consentire loro di ottenere il massimo beneficio. Per fare ciò, progetteremo e testeremo un programma CBT avanzato che aiuti le persone a riconoscere il ruolo della mente nell'esperienza del dolore. Ci auguriamo che questo tipo di programma potenziato possa aiutare più pazienti a trarre vantaggio da interventi basati sulla mente, rendendo la mente sulla materia una realtà per più pazienti.

Rich Harrison è un ricercatore post-dottorato sul dolore presso l'Università di Reading. Questo articolo è apparso per la prima volta su The Conversation"

Traduzione di Filo di Speranza

Per accedere all'originale  clicca qui.

domenica 4 ottobre 2020

…lezioni per stare meglio – no. 5

(immagine dal web)

“Poiché la disperazione era un eccesso che non gli apparteneva, si chinò su quanto era rimasto della sua vita, e riiniziò a prendersene cura, con l’incrollabile tenacia di un giardiniere al lavoro, il mattino dopo il temporale”
(Alessandro Baricco)
 

5. Poniti dei piccoli obiettivi

Sebbene tu possa apprezzare di ricevere aiuto in attività come cucinare i pasti, fare la spesa, ecc., diventare anche solo un po’ più indipendente può aiutarti ad alleviare l'ansia, aumentare la fiducia in te stesso e ridurre l'impatto che il dolore ha nella tua vita.
Per fare tutto ciò puoi cercare strategie di trattamento che possano aiutarti a ritrovare un maggiore senso di controllo, una maggiore resistenza, una migliore lucidità mentale. Parlane con il tuo team curante.

Abiti al terzo piano e prendi l’ascensore perché fai fatica? Inizia con il fare un piano di scale a piedi, se necessario facendoti aiutare. Poi prendi l’ascensore per gli altri due piani.
Arriverà il giorno in cui sorriderai facendo tutti i tre piani da solo.

E quando acquisterai un po’ più di mobilità e sicurezza, poniti un obiettivo ancora un po’ più grande: ovviamente qualcosa che sia proporzionato e raggiungibile senza che il dolore peggiori.
Per esempio, vorresti tanto andare a un concerto di musica classica ma dura molte ore e non sai se riuscirai a stare seduto per tutto quel periodo. Piuttosto che rinunciare, perché non optare per un recital che è più corto? O un concerto all’aperto, così in ogni momento puoi andartene senza disturbare nessuno.

Questa strategia dei piccoli passi, ti darà coraggio e speranza. Ti farà capire che ogni giorno stai facendo qualcosa in di più di ieri, e sarà più facile andare avanti. 


martedì 29 settembre 2020

…lezioni per stare meglio – no. 4

(immagine dal web)

 La gioia contagia, il dolore isola.
(Alessandro Morandotti)

4. Mantieni i contatti sociali

La qualità delle connessioni sociali gioca un ruolo vitale per il benessere e la felicità complessivi, ma soffrire di dolore cronico può impedire di frequentare luoghi come parchi, bar, cinema, teatro, ecc. e farci allontanare dagli altri. Si può non avere voglia di lasciare la camera, figuriamoci andare a lavorare o socializzare con le persone a cui teniamo. E più ci si isola, più ci si sente giù e depressi, creando un circolo vizioso: più ci si sente depressi, meno si vuole interagire con gli altri.

Il nostro invito è di cercare opportunità per legami sociali positivi e supporto emotivo. Ad esempio, invitare un amico a casa per un caffè e due chiacchiere. Fermarsi a parlare con i vicini di casa. Restare in contatto telefonico con amici e parenti.

 

venerdì 25 settembre 2020

...gracias a la vida

(immagine da web)


                                          “Oggi, se mi cercate, sto provando a trovare un po’ di leggerezza,
                                                        travestito da soffione tra le mani di un bambino. “
                                                                          (Fabrizio Caramagna)

Vogliamo stringere forte in un abbraccio tutte le persone che sono venute martedì sera a La Filanda e tutte quelle che ci scrivono. Abbiamo toccato con mano una grande, immensa, umanità, che nel dolore quotidiano avanza con indescrivibile resilienza, a volte cadendo ma per rialzarsi più forte di prima. Non abbiamo parole per ringraziarvi dei vostri incoraggiamenti e soprattutto per aver generosamente condiviso le vostre storie che parlano sì di dolore, ma anche di grande speranza.

Perché nonostante tutto, la vita va avanti e vuole essere vissuta. E chi ha dolore cronico sa quanto siano faticosi anche i gesti più normali e questo fa loro notare e apprezzare ogni piccolo istante di gioia; ogni gesto gentile nei loro confronti; ogni giorno che porta dentro sé un sollievo inaspettato, un vento leggero di spensieratezza.

Che il fine settimana sia sereno, nonostante i temporali.

 

lunedì 21 settembre 2020

...testimonianze

(foto @stefanospinelli)
 

La nostra Presidente si racconta su Azione - Settimanale di Migros Ticino e la Responsabile scientifica dell'associazione spiega il quadro delle cause e sintomatologia della nevralgia del pudendo.

Per leggere l'articolo clicca qui