martedì 27 settembre 2022

...fatevi consigliare

(immagine dal web)

Quando succede qualcosa di negativo o comunque doloroso, la mia filosofia è di non chiedermi mai “perché?” ma piuttosto “cosa posso fare?”.

E qui arriviamo alla cattiva notizia che già si sentiva nell’aria da un po’ di tempo: gli ennesimi aumenti dei premi della cassa malati. Leggi anche: https://www.tio.ch/svizzera/attualita/1609574/svizzera

Potremmo dilungarci in polemiche, accuse, imprecazioni e maledire la Lamal. Ma non lo faremo. Vi ricordiamo che c’è la possibilità di cambiare assicuratore, e per aiutarvi potete fare riferimento a chi lo fa di mestiere quello di confrontare, valutare e proporre soluzioni mirate: Ticino Confronti https://www.ticinoconfronti.ch/it oppure pagina facebook: https://www.facebook.com/Cassamalatiassicurazioni/

C’è anche la possibilità di chiedere i sussidi della Cassa Malati, e non vergognatevi di farlo perché è un vostro diritto. Tutti noi cittadini paghiamo le imposte e queste servono anche ad aiutare chi di noi è in difficoltà. Qui potete trovare il simulatore di calcolo per vedere se avete diritto a ricevere il sussidio: https://www4.ti.ch/dss/ias/prestazioni-e-contributi/scheda/p/s/dettaglio/riduzione-dei-premi-dellassicurazione-malattia-ripam/simulatore-di-calcolo-diritto-alla-ripam/

Il risultato è solo indicativo, quindi dopo aver controllato è sempre meglio inoltrare comunque la pratica a Bellinzona e lì verrà presa una decisione che vi sarà comunicata per iscritto.

Qui trovate le istruzioni per l’inoltro della richiesta: https://www4.ti.ch/fileadmin/DSS/IAS/pdf/opuscoli/Istruzioni_per_la_richiesta_della_riduzione_individuale_del_premio_2023.pdf

Non sapete cosa fare? Chiamate Ticino Confronti e il loro team vi darà volentieri una mano.

 

lunedì 19 settembre 2022

...#ZERO PAIN

Quest'anno i nostri fedeli amici animali ci fanno compagnia nella campagna #ZEROPAIN.
Grazie a Lorenzo per questo bellissimo scatto con Leo.


 

domenica 11 settembre 2022

...una molecola chiave per trattare il dolore cronico

(Christophe Altier. Photo by Riley Brandt, University of Calgar)

“I ricercatori di UCalgary scoprono una molecola nel sistema nervoso che potrebbe essere la chiave per il trattamento del dolore cronico

I farmaci antitumorali esistenti potrebbero essere riutilizzati per alleviare il dolore

Uno studio appena pubblicato dai ricercatori dell'Università di Calgary rivela un potenziale nuovo modo per trattare il dolore cronico utilizzando farmaci antitumorali piuttosto che farmaci antidolorifici a base di oppioidi.

Analizzando un gran numero di geni importanti nella trasmissione delle informazioni sul dolore al cervello, il ricercatore principale Dr. Christophe Altier, PhD, titolare di una cattedra di ricerca canadese sul dolore infiammatorio, e il suo team hanno identificato l'esistenza di una molecola nel sistema nervoso sistema che migliora la sensibilità al dolore.

In precedenza si pensava che questa molecola avesse un ruolo nella crescita del cancro, ma non era mai stata segnalata nel sistema nervoso. Ora potrebbe essere possibile utilizzare farmaci antitumorali già esistenti per bloccare il dolore.

"La parte più eccitante di questa scoperta è che non abbiamo bisogno di sviluppare un nuovo farmaco, possiamo semplicemente usare quello già approvato nel trattamento del cancro e riutilizzarlo per curare il dolore", afferma Altier, professore associato allo Snyder Institute per le malattie croniche alla Cumming School of Medicine

Nello studio, il team di Altier ha utilizzato farmaci per il trattamento del cancro ai polmoni e un tipo di cancro al cervello, testandoli sui topi per vedere se potevano controllare il dolore. Hanno testato specificamente il dolore derivante da lesioni nervose e infiammazioni e hanno scoperto che i farmaci antitumorali funzionavano molto bene. Il prossimo passo è garantire i finanziamenti per le sperimentazioni cliniche su persone affette da queste condizioni croniche.

Altier afferma che esploreranno altri tipi di dolore cronico come il dolore addominale e il dolore post-operatorio.

Poiché i farmaci utilizzati esistono già e si sono dimostrati sicuri, la tempistica affinché questo trattamento diventi realtà sarà più breve che se dovessero sviluppare nuovi farmaci. Altier ha già depositato una domanda di brevetto per questo nuovo trattamento con il coautore dello studio, il dottor Gerald Zamponi, PhD, con l'Hotchkiss Brain Institute.

Questa sarà una buona notizia per chi soffre di dolore cronico che in futuro potrebbe avere la possibilità di interrompere l'assunzione di oppioidi che possono creare dipendenza e che richiedono aumenti delle dosi nel tempo per rimanere efficaci.

"Con questi farmaci antitumorali, non vi è alcun effetto sulla tolleranza, non è necessario aumentare la dose del farmaco per ottenere sollievo dal dolore", afferma il dottor Manon Defaye, PhD, primo autore dell'articolo.

Lo studio è stato pubblicato sul Journal of Clinical Investigation.”

 

Traduzione di Filo di Speranza

Leggi articolo originale: qui.